Il mercato dei gadgets elettronici da polso, ormai ha raggiunto un suo equilibrio ed è sempre meno raro incontrare qualcuno per strada che di fatto parla con il proprio orologio “smart”, proprio come faceva il buon Micheal Knight per mettersi in contatto con Kit nel famoso telefilm anni ’80 Supercar.
apple watch 2Gli Smartwatches infatti sono una vera e propria estensione da polso del nostro ormai inseparabile smartphone e ne rilevano le notifiche quando lo abbiamo in tasca o non riusciamo a sentire le chiamate.

Oltre le notifiche, la vasta gamma degli indossabili prevede la possibilità di poter avere a portata di polso un vero e proprio sistema di monitoraggio dell’attività fisica, contapassi, battito cardiaco, qualità del sonno e suggerimenti sul numero di calorie da bruciare per tornare nel nostro ipotetico peso forma.

Maestra del connubio fashion – tech non poteva ovviamente non essere la Apple che a settembre lancerà, sfruttando il traino dell’iphone 7, due nuovi modelli di Apple Watch i quali avranno, secondo sempre più insistenti rumors, in dotazione dei processori più avanzati dei precedenti modelli con la possibilità addirittura di sfruttare un’ antenna gps interna per avere risultati sempre più performanti in ambito fitness e una connessione wi fi autonoma.
apple watch 12Sempre secondo i “ben informati” pare sia dotato, rispetto al modello precedente, di un display più sottile, di maggiore autonomia per quanto riguarda la batteria ( vero punto debole dei devices della casa di Cupertino) e dulcis in fundo avrà certificazione IPX8, che prevede una protezione continua fino a 1.5 metri sotto l’acqua.
Insomma, l’orientamento della casa di Cupertino sarà sempre di più quello di rendere il gadget autonomo dallo smartphone, fornendogli tutte quelle funzioni che ben presto lo faranno diventare uno dei prodotti di spicco da un punto di vista prettamente utilitaristico e di status symbol da poter sfoggiare in ogni occasione.
apple watch 23

La Apple ha previsto per i suoi modelli di Apple watch 2 una dotazione diversa di cinturini e anche delle vere e proprie bande modulari che potranno permettere di avere accesso a diverse e svariate funzioni in base al tipo di modulo scelto.
Per quanto riguarda i prezzi ancora non è trapelato nulla ma, vista la recente politica di leggero ribasso prezzi che sta attuando la Apple ( vedi Iphone SE), non avranno sicuramente quotazioni popolari ma nemmeno arriveranno a superare soglie astronomiche come invece in passato ci ha (mal) abituato il colosso statunitense.

LASCIA UN COMMENTO