Bulgari  non dà mai scontata la beneficenza, infatti per celebrare la sua filantropica partnership con Save the Children lancia una nuova campagna #Raiseyourhand  ideata da Fabrizio Ferri che spiega “Alziamo la mano per segnalare la nostra presenza, il nostro interesse, la nostra attenzione, la nostra partecipazione. Per annunciare che non ci nascondiamo, che non abbiamo paura, che pensiamo di avere una risposta. Alzare la mano, mentre si indossa l’anello o il braccialetto simboleggia il nostro sostegno per l’impegno di Bulgari nella raccolta di fondi per Save the Children. Ho assistito personalmente all’impatto positivo che il denaro finora raccolto ha avuto sulle vite di migliaia di bambini in tutto il mondo. Ecco perché ho donato il mio lavoro. Questo è il mio modo di alzare la mano.”


bulgari-14270-kWGC-U10801163284047ZjD-1024x576@LaStampa.it
Star come Olivia Palermo, Josephine Skriver, Nolan Gerard Funk, Tommy Dunn, Meg Ryan, Naomi Watts , Soo Joo Park, Tali Lennox, Nastia Liukin, Jamie Bochert, Eugenia Silva, Dorian Grinspan, Juliette Binoche, Toni Garrn, Luke Evans hanno posato in favore di questa grande campagna umanitaria. Il brand di gioielli ha ideato per l’occasione un nuovo braccialetto in argento e ceramica nero, che va ad arricchire la già ricca collezione di preziosi creata appositamente per sostenere la causa dell’associazione internazionale, che dal 1919 aiuta i bambini in pericolo e tutela i loro diritti.

La collezione, inizialmente composta da un anello e un ciondolo e ispirata al design della linea di gioielliera B.zero1 di Bulgari, si impreziosisce oggi di questo nuovo braccialettSAVETHECHILDREN-Bracelet-BVLGARI-352650-E-1_v01o con logo Save the Children. Il gioiello è già disponibile in tutte le boutique Bulgari, ma anche in selezionati negozi e sul sito di Bulgari (negli Stati Uniti e in Giappone).Il bracciale ha un costo di 480 euro, dei quali 75 euro vengono donati direttamente all’associazione: finora la collaborazione tra Bulgari e Save the Childre ha raccolto 45 milioni di euro, con un milione di beneficiari in 33 paesi del mondo. Ma si può fare ancora di più, no?

 

LASCIA UN COMMENTO