Spotify o Tim Music? Una bella domanda, stiamo parlando infatti di due delle più famose e scaricate applicazioni per l’ascolto di musica in streaming sul proprio smartphone.

androidpit-google-play-music-hero-02

Oggi infatti è quasi indispensabile portarsi con se una buona quantità di musica sotto forma di singoli pezzi preferiti o playlist da poter ascoltare in ogni momento e se non avete la pazienza di caricare ogni volta il vostro lettore multimediale dal pc risulta essere davvero comodo avere un’applicazione che permetta di ascoltare in qualunque momento i dischi preferiti o di curiosare fra le ultime uscite.
Tim Music è una piattaforma creata in Italia con oltre 25.000 brani da poter fruire in streaming con la presenza di tantissimi album completi, di playlist già pronte per aree tematiche,  web radio selezionate  in base al genere musicale.

telecom-italia-cubomusica-diventa-timmusic-TIMmusic_Logo

E’ previsto anche l’ascolto offline ovvero se si effettua il download di album o brani preferiti (singoli o anche creando delle playlist personali), si possono ascoltare tranquillamente quando il telefono non è online.
Un altro dettaglio molto interessante è che Tim music non consuma giga quando è in funzione. Il servizio costa 0,99 centesimi per i primi tre mesi e poi 7,99 euro al mese per i mesi successivi ma di solito è abbinato a qualche tariffa promozionale.
Molto Interessante è anche l’applicazione Spotify che a livello internazionale è la più diffusa con i suoi oltre 15 milioni di brani suddivisi in album, playlist e radio tematiche.
A differenza di Tim music con l’applicazione Spotify si può scaricare gratuitamente la versione base, con alcune limitazioni d’ascolto dovute ad interruzioni pubblicitarie mentre invece se si vuole direttamente provare la versione premium si paga un abbonamento mensile di 0,99 centesimi per i primi tre mesi (come Tim music) e poi 9, 99 euro al mese per i mesi successivi.

01_spotify

La versione premium permette l’ascolto di brani in modalità offline , una qualità d’ascolto più definita e brani on demand ascoltabili su svariate piattaforme tra le quali smartphone, tablet, pc, playstation, tv e android wear.
L’ideale sarebbe provarle entrambe e capire quale delle opzioni si adatta meglio ai nostri gusti musicali e alle nostre esigenze, ma in ogni caso si tratta davvero di due ottime applicazioni.

LASCIA UN COMMENTO